“Festa Grossa” a Pelago per celebrare il Santissimo Crocifisso

a cura della redazione di OrientePress – Undici giorni fra spiritualità e festeggiamenti: quest’anno a Pelago, dal 3 al 14...

a cura della redazione di OrientePress – Undici giorni fra spiritualità e festeggiamenti: quest’anno a Pelago, dal 3 al 14 settembre, c’è la “Festa Grossa”, che si celebra ogni sette anni per rendere omaggio al Santissimo Crocifisso, ospitato nell’omonimo Oratorio, a cui la tradizione attribuisce poteri miracolosi, Quest’anno il tema della manifestazione è “Sotto la stessa croce. Lo spirito di una Comunità fraterna e solidale” che vede 11 giorni di eventi religiosi, ma anche giochi fra rioni, musica, intrattenimento e mostre d’arte. L’iniziativa è organizzata dal Comitato Festa Grossa, presieduto dal Parroco della Parrocchia di San Clemente a Pelago, composto da diverse associazioni e dal Comune di Pelago che è parte attiva nella programmazione e organizzazione, con il patrocinio della Diocesi di Fiesole e della Provincia di Firenze.

L’origine di questa celebrazione si perde nel tempo, ma da sempre è legata alla venerazione del Crocifisso ritenuto miracoloso. Non ci sono notizie precise sulle origini di quest’ opera, che, infatti, non è conosciuta dagli studiosi, e non esistono documenti che ne attestino l’autore o la data di realizzazione. Ma nonostante questo, dal 1600 il crocifisso è oggetto di una crescente venerazione. L’opera è conservata all’interno dell’Oratorio del Santissimo Crocifisso, meglio conosciuto come Chiesa della Compagnia, risalente al XV secolo. La Chiesa ospitava una confraternita di laici, chiamata della Vergine Maria nata nel 1500 e soppressa alla fine del 1700, che curava le più importanti ricorrenze religiose. La Chiesa ha sempre ospitato il Crocifisso, come dimostrano i numerosi doni dei devoti che, probabilmente, hanno permesso un continuo rinnovamento degli arredi sacri.

La festa è giunta fino a noi e viene ora celebrata ogni 7 anni. Lungo e articolato il programma della manifestazione, che ingloba al suo interno anche “Il gusto dell’arte l’arte del gusto”. Si inizia con “Aspettando la festa Grossa” mercoledì 3 settembre alle 21 con un incontro testimonianza sul valore dell’appartenenza alla comunità-territorio tenuto dal Vescovo Emerito di Prato Monsignor Gastone Simoni. Venerdì da segnalare alle 18 la Santa Messa con il Vescovo di Fiesole S.E. Monsignor Mario Meini, la cena al Centro Pastorale La Pira con i malati ed i loro accompagnatori ed alle 21,15 la commedia in vernacolo “Tombola con il Morto”.

L’inaugurazione vera e propria avviene sabato 6 settembre alle 15 con l’invio dei Messaggeri a cavallo e la sfilata del corteo storico. Domenica 7 settembre alle 21 è in programma il convegno “La Sindone, indagine su un mistero” tenuto dalla Sindonologa di fama internazionale Emanuela Marinelli.

Martedì 9 settembre, da non perdere la testimonianza della Fraternità della Visitazione di Piandiscò alle 17,30 ed a seguire la cena multietnica di solidarietà aperta a tutti e il concerto di Don Giosy Cento, cantautore di musica leggera cristiana.

Venerdì 12 settembre alle 21 è prevista la processione e la veglia alla croce con allestimento di tende con i ragazzi provenienti da varie parti della Toscana; sabato 13 settembre alle 20 c’è l’apericena in piazza e subito dopo una serata revival degli anni ’60 con musica dal vivo. Infine domenica 14 alle 11,15 la Santa Messa con il rinnovo delle promesse sponsali e degli anniversari di matrimonio, alle 12 pranzo di solidarietà in piazza aperto a tutti, alle 21 la Processione Solenne con il SS. Crocifisso per le strade del paese e, in chiusura, alle 23 lo spettacolo pirotecnico.

Durante la “Festa Grossa” si possono visitare anche una serie di pregevoli mostre situate nel centro storico: “I Miracoli Eucaristici nel mondo” a cura dell’associazione Amici di Carlo Acutis, “I Silenzi” del Maestro Renzo del Lungo, “La Passione del Crocifisso” del Maestro Andrea Maestrini, “Ricamo Caterina de’ Medici e Bizantino, mostra d’arte sacra affreschi” dell’associazione Son fili d’oro, “La bellezza straordinaria del mondo ordinario” delle pittrici Dora Seaux e Renate Brutschin, “Arte Sacra” nella Chiesa di San Clemente, “Progetti di cooperazione internazionale per Guinea Bissau, Burkina Faso, Tanzania, Brasile” a cura del Gruppo Lucia Rasponi terza età.

Per il programma completo consultare il sito del comune di Pelago: www.comune.pelago.fi.it