Cassonetto per i disabili: a Rignano il primo esempio in Toscana

di Eleonora Mori – E’ proprio notizia di questi giorni la “stangata” che arriva per anziani e disabili in alcune realtà italiane: inaridimento di agevolazioni che erano invece previste per le fasce più deboli di reddito; arriva però in Toscana una buona notizia: nel Comune di Rignano sull’Arno si provvede all’ attivazione di un cassonetto che facilita le persone diversamente abili nel conferimento dei rifiuti, si tratta dell’unico esempio a livello regionale; un esempio innovativo di risposta ad un’esigenza recepita e segnalata dalla comunità e dall’Amministrazione comunale cittadina.

La pattumiera è segnalata da un’apposita simbologia ed è installata in una postazione creata “ad hoc” in piazza dei Martiri, nel centro cittadino.

Per un corretto conferimento dei rifiuti indifferenziati le persone disabili possono schiudere il cassonetto da un’apertura ribassata con una speciale chiavetta che viene distribuita gratuitamente a coloro che ne fanno richiesta.

Calorosa l’accoglienza dei cittadini del Comune di Rignano che hanno evidenziato come sensibilità, attenzione all’altro e solidarietà possano essere anche un po’ la chiave di Volta per uscire da questo momento di difficoltà per tutto il contesto socuale, e non solo del territorio.

«La civiltà di una comunità – dice il Sindaco, Daniele Lorenzini – si misura anche nelle cose apparentemente più semplici: supportare in un gesto quotidiano, come è il conferimento dei rifiuti, le persone con problemi di mobilità significa non solo aiutare il singolo ma anche rispettarlo ed accoglierlo con pieno diritto di cittadinanza e come rignanesi siamo orgogliosi che nella “civile” Toscana sia la nostra comunità la prima a promuovere, in collaborazione con AER, questa iniziativa».

Sono ancora pochi i casi italiani da segnalare su questo fronte, anche se alcuni Comuni virtuosi esistono: ad esempio le amministrazioni di Brescia, Forlì e Mantova hanno promosso sperimentazioni per rispondere alle esigenze di persone diversamente abili, ma anche non vedenti, creando cassonetti simili a quello del Comune fiorentino o distribuendo contenitori con l’iniziale dei rifiuti in braille.

«AER insieme al Comune di Rignano sull’Arno, è protagonista di una innovazione che evidenzia la sensibilità dell’amministrazione e dell’azienda su questo tema – questo il commento del Presidente di AER Spa, Silvano Longini – è un passo importante in un territorio come questo, in cui è necessario aumentare l’impegno dei cittadini nel corretto conferimento dei rifiuti. Per AER questa è la seconda occasione in cui siamo promotori a livello toscano di nuovi progetti, a dimostrazione dell’impegno e della concretezza con cui lavoriamo e cerchiamo di diffondere quella che è la nostra mission: educare i cittadini ad una corretta raccolta differenziata».

AER Spa (Ambiente Energia Risorse) ricorda a tutti i cittadini che per ogni informazione e chiarimento è possibile consultare il sito internet www.aerweb.it oppure contattare gratuitamente il numero verde di AER Spa 800.011895.

Una città accessibile è una città nella quale i servizi, tutti i servizi, sono alla portata di tutti. E combattere la barriere architettoniche non significa solo rendere disponibili luoghi o mezzi, ma anche e soprattutto essere messi in condizione di fare un gesto apparentemente “semplice” nella sua ordinarietà: conferire i rifiuti senza difficoltà è uno di questi!