Scrivere per non dimenticare

di Claudio Molinelli – Nel carcere fiorentino di Sollicciano è fiorita da qualche anno una meritoria attività culturale volta a...

di Claudio Molinelli – Nel carcere fiorentino di Sollicciano è fiorita da qualche anno una meritoria attività culturale volta a un fruttuoso impiego del tempo dei detenuti, un’iniziativa che tenta di svolgere concretamente un’azione di recupero degli ospiti della struttura.

Dopo diverse edizioni di successo del laboratorio di scrittura creativa realizzate nella sezione femminile del penitenziario fiorentino, che hanno portato alla pubblicazione di due volumi di racconti, vincitori anche di numerosi riconoscimenti, tra cui  “Alice nel paese delle domandine” di cui ci siamo occupati in passato, il laboratorio si apre anche alla sezione maschile, con una significativa novità.

E’ stato infatti presentato il mese scorso il nuovo corso di scrittura creativa “Scrittura d’evasione” rivolto alla popolazione carceraria e a soggetti esterni, promosso da Arci Firenze e coordinato come sempre dalla scrittrice fiorentina Monica Sarsini. Le lezioni inizieranno il 26 gennaio, e si svolgeranno ogni martedì dalle 16 alle 18.

“Non sarà rivolto solo ai detenuti ma accoglierà anche iscritti dall’esterno, diventando così, oltre ad essere occasione di formazione, anche un’opportunità straordinaria per entrare in relazione con il mondo esterno in maniera positiva e propositiva, senza barriere”.Queste le parole di Monica Sarsini, animatrice del laboratorio  da lei condotto insieme a scrittori, tra cui Francesco Recami, giornalisti e docenti universitari e che permette agli iscritti di passare in rassegna modi e temi della scrittura creativa, cimentandosi nella produzione letteraria.

“Il progetto “ spiega Valentina Giovannetti, responsabile di Arci Firenze per le politiche sociali “ è costituito da cinque moduli inter-dipendenti: dopo il corso di scrittura creativa, i detenuti parteciperanno con le loro opere a un concorso letterario dedicato, cui farà seguito la pubblicazione di un volume e letture pubbliche, oltre a una serie di trasmissioni radiofoniche realizzate in collaborazione con Novaradio, emittente di Arci Firenze”.

Il commento della direttrice del carcere, Maria Grazia Giampiccolo sottolinea l’importanza e la valenza sociale dell’iniziativa: “Il progetto di scrittura creativa in carcere si pone perfettamente in linea con l’obiettivo di aprire il carcere alla città e di trasformare l’istituto in un luogo ove si possano realizzare progetti ed eventi proiettati anche all’esterno”. A nessuno può sfuggire infatti quanto sia importante offrire ai detenuti una prospettiva futura, mettendo a loro disposizione percorsi rieducativi e formativi qualificati, grazie ai quali possano iniziare a costruire ciascuno il proprio nuovo percorso di vita.

Il laboratorio, che intorno a Natale aveva già una quindicina di detenuti iscritti, ha in programma anche un incontro preparatorio per l’ingresso nel carcere rivolto agli aspiranti scrittori esterni alla struttura, che si terrà il 21 gennaio 2016 alle ore 18:00 presso la sede dell’Arci, in piazza dei Ciompi 11 a Firenze.

“L’apertura a corsisti esterni “ afferma il presidente di Arci Firenze, Jacopo Forconi “ rappresenta, per noi, uno dei punti più importanti del progetto: dà ai detenuti la possibilità di affacciarsi verso l’esterno ma allo stesso tempo permette, a chi decide di partecipare, di intessere un rapporto con i detenuti che supera i pregiudizi e i confini. Per questo Arci Firenze lo ha sostenuto fin da subito”.

I corsi si svolgono nella scuola della sezione maschile della casa circondariale di Sollicciano, ogni martedì a partire dal 26 gennaio, dalle 16 alle 18, per un totale di 20 incontri ; è possibile partecipare a tutto il corso oppure solo ad alcuni incontri, in base alla disponibilità e agli interessi. Il numero massimo di partecipanti è di 15 detenuti e 15 esterni. Per i corsisti esterni tutto il corso ha un costo (comprensivo di tessera Arci) di 200 euro oppure, scegliendo 10 incontri, di 100 euro.

Questo il calendario degli incontri:

26 gennaio 2016: Introduzione al Corso a cura di Monica Sarsini
2 febbraio 2016: Laboratorio a cura di Monica Sarsini
9 febbraio 2016: Laboratorio a cura di Monica Sarsini
16 febbraio 2016: “Scrivere un articolo per un giornale” a cura di Mara Amorevoli
23 febbraio 2016: “Scrivere all’epoca della cultura digitale” a cura di Giuliano Santoro
1 marzo 2016 :”Riflessioni sulla poesia e la letteratura” a cura di Augusta Brettoni
8 marzo 2016: Laboratorio a cura di Monica Sarsini
15 marzo 2016: “Le lingue le creano i poveri e poi seguitano a rinnovarle all’infinito”
(Scuola di Barbiana, Lettera a una professoressa) a cura di Anna Scattigno
22 marzo 2016: La Storia, le storie, lo stile: da dove cominciare?” a cura di Valerio Aiolli
29 marzo 2016 :”Non c’è dubbio: la narrativa fa un lavoro migliore della verità. Invenzione, finzione, verità nella scrittura letteraria”a cura di Roberta Mazzanti
5 aprile 2016: Laboratorio a cura di Monica Sarsini
12 aprile 2016: Laboratorio a cura di Monica Sarsini
19 aprile 2016: “La poesia” a cura di Paolo Maccari
26 aprile 2016: “La poesia” a cura di Paolo Maccari
3 maggio 2016: Laboratorio a cura di Monica Sarsini
10 maggio 2016: Laboratorio a cura di Monica Sarsini
17 maggio 2016: Laboratorio a cura di Monica Sarsini
24 maggio 2016: Laboratorio a cura di Monica Sarsini
31 maggio 2016: “Scrivi tu che scrivo io. Per una scrittura collettiva”a cura di Ernestina Pellegrini
7 giugno 2016: Laboratorio a cura di Monica Sarsini

Info:  sociale@arcifirenze.it.